Spannolinamento, la mia esperienza

Con l’arrivo del caldo, forse adesso anche troppo, molte mamme decidono di togliere il pannolino ai proprio piccoli qualora loro si dimostrino pronti a questo importante cambiamento.

Anche per me è stato così, Alessandro ha due anni e mezzo e ho pensato che fosse giunta l’ora.

In questo post vi voglio raccontare la mia esperienza senza insegnare niente a nessuno perchè credo che la regola più importante da utilizzare con i propri figli sia l’istinto.

Premetto che ho letto molti articoli e teorie sull’argomento, ho preso qualche spunto ma poi ho fatto quello che credevo meglio per il mio bambino.

In casa abbiamo iniziato presto, verso i 18 mesi abbiamo deciso di acquistare un vasino per noi e uno per la casa dei nonni. L’abbiamo posizionato nel nostro bagno, accanto al wc. Alessandro è stato entusiasta della new entry e già da così piccolo ha provato più volte a sedersi sul vasino per imitare mamma e papà. Inizialmente senza fare pipì o pupù ma col tempo è arrivato anche a quello.

Un mesetto fa abbiamo deciso di fare sul serio e quindi via il pannolino! Ale già ci diceva quando gli scappava la pupù (e quindi anche se aveva ancora il pannolino utilizzava già il vasino) ma non la pipì.

Ci siamo quindi attrezzati con l’occorrente allo spannolinamento. Mutandine a non finire (quelle da grandi, come il papà, scelte da Alessandro), vasino, riduttore per wc, adesivi da attaccare come gratificazione per la pipì/pupù nel vasino e due libri che per noi sono stati fondamentali.

01Prima cosa da fare è stata mettere le mutandine ovviamente, enfatizzando il tutto e buttandola sul fatto che ormai è un bambino grande e che le mutandine sono uguali a quelle del papà.

Seconda cosa importante è stato premiare le volte che riusciva a fare pipì e pupù nel vasino. Non intendo con premi materiali ma con applausi e complimenti.

Terza e ultima cosa, in caso di incidenti con spargimenti di pipì non sgridare mai il bambino, mostrarsi un po’ delusi ma rincuorarlo dicendo che la prossima volta andrà meglio.

Aggiungo poi i due libri che ci hanno aiutato molto, Posso guardare nel tuo pannolino di  G. Van Genechten che ha come tema principale la cacca e Il Vasino del Pirata di M. Williamson (disponibile anche in versione femminile Il Vasino della Principessa) che mostra tutto il percorso che un bambino di nome Tommy compie nel togliere il pannolino. Quest’ultimo è piaciuto particolarmente ad Alessandro perchè è dotato anche di tastino con delle voci registrate che esultano!

Posso guardare nel tuo pannolino:

03

Il vasino del pirata:

02

La tecnica della gratificazione tramite l’adesivo da attaccare ad ogni pipì/pupù nel vasino con Ale non ha molto funzionato … voleva sempre attaccare adesivi!

05

Attraverso queste nostre scelte nel giro di poco il nostro bimbo è riuscito a stare senza pannolino. Preciso che all’incirca una volta ogni ora lo portiamo a fare pipì, a volte capita ancora qualche incidente ma non all’ordine del giorno. Ci comunica quando gli scappa, ma non sempre. Sono rimasta anche molto sorpresa nello scoprire che spesso anche di notte e durante il pisolino pomeridiano il pannolino rimane asciutto, sarà il nostro prossimo traguardo.

Secondo me la cosa davvero importante è mettere il bimbo a proprio agio e enfatizzare tutto ciò che c’è di positivo in questo step di crescita.

E voi come avete fatto?

Advertisements

2 pensieri su “Spannolinamento, la mia esperienza

  1. Noi abbiamo iniziato lo spannolinamento lo scorso ottobre (V. aveva quindi…..2 anni e tre mesi) perché all’asilo ci hanno detto che iniziava ad avvisare in caso di pipì e inoltre lei già da piccolissima aveva preso a non farla mai di notte e pisolini. Devo dire che nonostante fosse già freschetto (ecco forse ottobre non è stato il mese ideale) è andato tutto liscio. Siamo andati per step: senza pannolino all’asilo e a casa, lo mettevamo poi per uscire chiedendole di avvisare, ma devo dire che riusciva a tenerla benissimo. Ogni volta che la faceva il folletto del vasino le dava un cioccolatino (femmina scaltra: a nulla valsero i complimenti!).
    Quei momenti sembravano infiniti ma alla fine in una settimana abbiamo portato a casa l’obiettivo. E’ stato un po’ più difficoltoso con la cacca: inizialmente riusciva a farla nei momenti in cui era pannolinata (durante il pisolino o prima della nanna) ma abbiamo avuto un periodo di circa 10 gg (dopo aver ottenuto lo spannolinamento da pipì) in cui ha passato una fase che ho letto essere frequente nei bambini, ossia NON VOLEVA FARLA DEL TUTTO. Né nel pannolino, né nel vaso/wc. La tratteneva, non voleva lasciarla andare, con il risultato che stava giorni senza andare e poi ci riducevamo a fare i clisterini e non ti dico cosa tirava fuori….. dopo circa 7/10 gg ha superato anche questo blocco e abbiamo risolto tutto. E da subito ha usato il water, senza riduttore, solo con il gradino di aiuto.
    Quello che dico a tutte le mamme è: non mollate! Vi sembrerà non passare mai il tempo ma alla fine in una settimana si riesce a fare tutto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...