Il mio Fuorisalone 2015

Fuorisalone 15 Oggi vi racconto un po’ del mio Fuorisalone!

Ormai sono molti anni che lo frequento e durante gli anni l’ho visto piano piano cambiare ed evolversi.

Diciamo che qualche tempo fa partecipavo più spesso anche agli eventi serali, era più facile per me e il mio compagno, non eravamo genitori e avevamo abbastanza tempo libero. Ultimamente gli eventi e le feste serali li abbiamo messi un po’ da parte ma ci piace comunque esplorare le novità dell’anno dedicando al Fuorisalone almeno una giornata.

Per chi non lo sapesse quando parlo di Fuorisalone intendo gli eventi collaterali al Salone del Mobile, che si tengono in vari quartieri di Milano.

Questa volta ci siamo stati di giovedì e sapendo già che in una giornata è impossibile vedere tutto, ci siamo più concentrati su quello che poteva essere per noi di maggiore interesse, nonostante non ci fossimo particolarmente informati di quello che c’era sulla piazza!

Quindi una volta raggiunta Milano siamo partiti dalla più famosa Zona Tortona, dove tutto è nato!

Appena arrivati ci siamo diretti da Emporio31 o Opificio 31, uno spazio davvero carino, da vedere anche senza pensare al Fuorisalone. Un complesso abitativo fatto da loft ricavati in vecchi capannoni, alcuni ancora utilizzati in quanto tali, tra edifici moderni e casette ricoperte di fiori. Qui abbiamo iniziato da Agorà 31 con un temporary shop tutto dedicato ai bambini con tante idee e prodotti stupendi, abbiamo poi proseguito fermandoci ad ammirare gli allestimenti di Buru Buru, sito per lo shopping online di complementi e accessori per la casa.

FullSizeRender copia

Seconda tappa Superstudio dove ho apprezzato particolarmente gli spazi curati da Unduetrestella, negozio (e molto altro) per bambini, che ogni anno in locations differenti crea degli allestimenti fantastici dove si possono trovare mobili e complementi di marchi più o meno noti per i più piccoli.

Untitled design

Ultima tappa della zona è stata per noi il quartier generale di Armani, dall’architettura minimalista e moderna, suggestiva perchè completamente in cemento.

IMG_8082

Terminata la visita a zona Tortona, siamo passati direttamente all’Ikea temporary,  uno spazio in via Vigevano 18 che resterà aperto fino a Settembre, dedicato in particolar modo al cibo, ma anche alle collezioni più nuove e particolari del marchio. Ci siamo quindi fermati nel cortile esterno a gustarci il nostro pranzetto in tranquillità.

IMG_6053

Pranzo veloce e via, in zona Garibaldi, per vedere da Dot and Cross la nuova collezione Pijama for babies costituita prevalentemente da zainetti, fasciatoi e trousses porta tutto dai colori particolarmente teneri come quelli pastello.

Altra sosta obbligatoria è quella all’Orto Botanico di Brera che anche se quest’anno non aveva nessun allestimento particolare è sempre affascinante. E’ strano scoprire questo angolo totalmente verde, tranquillo e nascosto in pieno centro città.

IMG_8084

Ultima tappa, perchè sfiniti, è stata la zona Ventura/Lambrate, quartiere più periferico che più recentemente rispetto agli altri ha cominciato ad ospitare il fuorisalone. Dato che si tratta di una zona abbastanza industriale in fase di riqualificazione, i capannoni con i classici tetti a punta, a volte dismessi, altre volte modernissimi, la fanno da padrone. Qui abbiamo potuto entrare nel giardino di una villa d’epoca per gustarci il design belga in esposizione, e come al solito fare un giro nei vari siti industriali dove si tengono i più svariati allestimenti che spaziano dai mobili, ai gioielli fino ad arrivare all’arte oserei dire.

IMG_8098

Nonostante quest’anno il fuorisalone mi sia sembrato particolarmenteio sottotono rispetto agli anni precedenti, e soprattutto agli albori, devo dire che è sempre carino farci un giro. Ormai non si tratta più esclusivamete di eventi relativi al campo del mobile e ci vorrebbero giornate intere per scoprirli tutti.

Ogni volta, al rientro da questo evento, per me la domanda è la stessa “Mi sarò persa qualcosa?”…la risposta la conosco già “Sicuramente!”, perchè è una manifestazione così vasta che credo sia impossibile per chiunque non mancare nulla.

Annunci

5 cose da fare a Milano con i bambini

Eccomi qui, reduce da una bellissima serata a Milano, oggi vi parlo di questa città ripubblicando il post che ho scritto per Picci Blog, 5 cose da fare a Milano con i bambini!

01_copertina

Milano, Milano, quanto mi piace questa città? Non ci vivo ma la raggiungo in mezz’ora con l’auto e nel weekend alla fine mi ci ritrovo sempre.

Milano è rinomata per la moda, il design, gli eventi, le feste e gli aperitivi. In effetti la città è piena di tutto ciò ed i suddetti sono gli stessi motivi per cui la frequentavo prima di avere Alessandro, non che ora non mi interessino più ma un bambino mi ha dato la possibilità di scoprire quante opportunità questa città riserva anche ai più piccoli.

Non esistono solo le vie dello shopping e il duomo, ci sono l’affascinante Brera, la scintillante piazza Gae Aulenti con Corso Como e corso Garibaldi. Ci sono i Navigli, il riscoperto quartiere Isola e la rinnovata zona Sant’Ambrogio.

Ecco quindi 5 cose che ho amato fare con la mia famiglia e che secondo me non potete mancare una volta arrivati nel capoluogo lombardo.

Come prima cosa SALTIAMO IN SELLA, Milano ha moltissime postazioni gestite da ATM (azienda di trasporti milanesi) dove è possibile noleggiare una bicicletta a prezzi contenuti, il bello è che la si può prendere e lasciare in posti diversi. Noi di solito partiamo con una bicicletta nostra a cui agganciare il seggiolino e una a noleggio.

Quindi ecco il nostro percorso: partendo da Porta Romana ci dirigiamo verso il Duomo passando da Piazza San Babila zona ricchissima dei più comuni negozi per lo shopping a cui sono sicura non mancherete di dare un’occhiata, costeggiamo il Duomo dal lato di Palazzo Reale evitando la folla che riempie generalmente quelle vie così centrali, ci dirigiamo quindi alla Torre Velasca a poche pedalate dalla celeberrima Piazza Duomo. Imbocchiamo Via Dante che si dirige verso il castello Sforzesco e verso la sua bellissima fontana, attraversiamo il Castello in bicicletta e il parco Sempione, un’area verde che non ti aspetti al centro di una città, fino all’Arena Civica. Da qui raggiungiamo Corso Garibaldi fino ad arrivare in piazza Gae Aulenti magnifica tra i nuovi grattacieli, ritorniamo verso il punto di partenza attraversando i giardini pubblici Indro Montanelli dove magari fermarsi ad ammirare la natura riprendendo fiato.

02_bicicletta

Il MUSEO DELLA SCIENZA E DELLA TECNICA LEONARDO DA VINCI ospita moltissimi mezzi di trasporto dalle dimensioni impressionanti, e sono proprio questi ad aver attirato l’attenzione del mio bimbo che inaspettatamente ne è rimasto molto affascinato. Troverete il sottomarino Enrico Toti, locomotori d’epoca, navi da crociera, galeoni e aerei. L’intero museo è davvero esteso e con un bimbo non basta una giornata per vederlo volendo prendere la visita con molta calma. Ogni Ottobre ospita anche una bellissima manifestazione per bambini (anche piccolissimi) chiamata Uovokids dove divertirsi in laboratori di musica e arte o semplicemente giocare in tutta libertà.

Il museo è fornito da diverse aree ristoro con seggioloni e un’area cambio e allattamento.

03_museo_scienza_tecnica

Vi è salita un po’ di fame? Passate da CASCINA CUCCAGNA! In via Cuccagna 2/4 troverete una delle più antiche cascine di Milano che resiste in zona Porta Romana dal 1695. Prima cascina rurale, oggi spazio polifunzionale con cucina e bar (che hanno dei menù appositi per i più piccoli) e con una serie di altri servizi come laboratori, incontri e attività. Potrete prendere un po’ di sole nel giardino in estate o rifugiarvi al suo interno per ripararvi dal freddo in inverno!

04_cascina_cuccagna

Restiamo in mezzo alla natura e trasferiamoci in zona Portello, al nuovissimo PARCO VITTORIA, progetto di riqualificazione della suddetta area.

Un parco dove troverete giochi per i più piccoli, un laghetto e una montagna da risalire. Un parco dai volumi strani e dalle geometrie inaspettate. Visto dall’alto è spettacolare e fa pensare a un insieme di bellissime sculture naturali.

05_parco_vittoria

Per una merenda invece uno dei miei posti preferiti e kids friendly è OPEN (Viale Montenero, 6). Uno spazio dall’arredamento moderno, un bar e una libreria al tempo stesso. Ci si puo’ rilassare su enormi divani oppure stare ai tavoli. I genitori possono gustarsi la loro merenda mentre i più piccoli si divertono nello spazio a loro dedicato, pieno di libri da consultare e giochini.

06_open_milano

Spero che i luoghi descritti incanteranno anche voi, come succede a me. Se siete degli amanti della bicicletta potrete riunire tutte queste destinazioni nel vostro percorso!

 

 

Due giorni a Bologna

Con un po’ di ritardo vi voglio raccontare dei due bellissimi giorni che ho trascorso a Bologna con la mia famiglia!

Eravamo già stati a Bologna qualche giorno molti anni fa, era marzo e la pioggia non ci aveva lasciato tregua, non avevamo potuto apprezzare al massimo la città e non ne eravamo rimasti molto soddisfatti.

Questa volta ci siamo ricreduti, o forse ci siamo innamorati?

Bologna ha il fascino di una città antica ci siamo persi tra le stradine del centro meno frequentate e quelle affollate dai turisti, tra negozi di grandi marchi ed i più nascosti e particolari, tra città e parchi.

Non avevamo un vero itinerario, solo qualche negozietto e zona che ci sarebbe piaciuto vedere. Con Alessandro poi non è facile seguire piani e tappe fisse, quindi abbiamo deciso di prendercela con calma e relax.

Di relax ce n’è stato davvero poco dato che il piccolo di casa ha deciso di stare nel passeggino per 10 minuti in due giorni ed il restante tempo l’ha passato a camminare andando dove più gli piaceva! Ma dopo tutto è giusto che anche lui si gusti due giornate via con i genitori, quindi va bene anche così.

Il nostro hotel, l’Una Hotel era a due passi dalla stazione e si raggiungeva il centro facilmente con qualche minuto di camminata. L’hotel era carino e curato, non di superdesign ma niente male, aveva anche una parte esterna dove potersi rilassare e far colazione. La zona pur essendo moto vicina al centro non era eccezionale, causa stazione direi.

Ora non vi sto a raccontare quello che abbiamo fatto nei due giorni di permanenza ma vi dico le zone ed i posti che ho più apprezzato.

Via Santo Stefano e piazza Santo Stefano sono davvero bellissime e ricche di fascino, soprattutto con la luce del tramonto. Sono imperdibili e ottime per un aperitivo, una cena o una seplice passeggiata. Qui sono entrata  a curiosare nel negozietto Gallina Smilza (piccoli arredi e complementi per la casa) e la sera abbiamo cenato nella pizzeria napoletana Regina Margherita, cucina ottima, proprietario e camerieri molto gentili e amichevoli.

Il sabato mattina siamo capitati in piazza Minghetti dove c’era un mercato di fiori e prodotti tipici (credo occasionale) rendendo la piazza e le vie circostanti ancora più affascinanti. E’ stato bello passeggiare tra i fiori di colori e tipologie più disparate.

Poi c’è strada maggiore, che era in via di ristrutturazione, ma che nonostante tutto non perdeva la sua bellezza. Costeggiata dagli storici portici che ospitano negozi, bar e ristorantini, attraversa molte case antiche e stupende.

Qui si trova il negozio sempre per la casa ( si capisce che siamo un po’ fissati?) Fabrica Features ed un bellissimo locale: Zoo. Da Zoo  (di cui vi parlerò maggiormente nel prossimo post)ci si può fermare per una merenda, un pranzo o un brunch, perfetto per genitori e bambini perchè mentre i genitori mangiano i bambini possono divertirsi con i giochi a disposizione. Quanto vorrei un posto così vicino a casa, ci starei giornate intere.

Poi ci sono le caratteristiche via Degli Orefici e via Pescherie Vecchie, dove è possibile ammirare i negozietti di frutta e verdura alloggiati in particolari nicchie ricavate dentro gli edifici e dove poter comprare qualche prodotto tipico, o semplicemente fare un po’ di spesa.

Il giorno dell’arrivo abbiamo pranzato da “Il panino” un posticino che offre un’immensa lista di panini da consumare li o portare via, lo trovate in via Galliera 91A.

Per un caffè siamo poi stati da Camera a Sud, in via Valdonica 5, un bar, ristorante ed enoteca pieno zeppo di arredi vintage.

Ultimi due negozi in cui vale la pena passare sono Martino Design, che offre una piccola selezione di design dei marchi più conosciuti e La Ferramenta, un negozio di vestiti ed accessori con una location davvero particolare!

E poi che dire… Bologna è una città in cui camminare e perdersi, senza itinerari. Che riserva sorprese ed artisti di strada in ogni angolo!

Spero di non aver dimenticato nulla!

image7image16

 

 

 

Shopping – Urban Nordic Style

Vacanze finite e ritorno al lavoro, è sempre dura. Soprattutto perchè il tempo passa dallo scorrere lento, senza troppe imposizioni di orario al rispettare determinati appuntamenti fissi della giornata lavorativa.

Come avete passato le vacanze? Forse qualcuno di voi non le ha ancora terminate!

Io vi voglio raccontare del mio rientro che ha segnato anche il passaggio dall’estate all’autunno dato il cielo grigio ed il freddo!

Rientrando dalle vacanze abbiamo fatto tappa a Parma in quanto era una città che avremmo voluto vedere da qualche tempo ma che per un motivo o per l’altro non avevamo mai visitato.

Devo dire che ci è piaciuta, ricca di negozietti anche speciali e di viette un po’ nascoste in cui perdersi. Non mancano baretti e ristorantini dove fare una pausa, negozi vintage e librerie dove sorseggiare caffè.

foto 1

E’ proprio in una vietta caratteristica che ci siamo imbattuti nel negozio Urban Nordic Style, appena trasferito in uno spazio più grande, dove ci ha accolto Francesca, molto gentile e disponibile nonostante il negozio fosse in fase di ultimazione.

Bè, che dire, era tutto bello, dal sapore nordico, legno e disegni geometrici semplici… coperte, cuscini, piccoli arredi … stupendo!

Nel suo negozio Francesca tiene una selezione di prodotti provenienti dal nord europa, per i piccoli e per i grandi, per gli amanti della bicicletta e per chi invece preferisce i pic nic.

Cliccate sul link sopra per trovare la pagina Facebook di Urban Nordic Style e tenervi aggiornati su novità ed eventi.

un4

 

Siamo stati particolarmente colpiti da una trapunta da pic nic danese, eravamo alla ricerca di un tappeto per la cameretta di Alessandro ma non trovavamo la forma adatta, il colore giusto, il modello che ci piaceva. L’abbiamo acquistata quindi da posizionare accanto al lettino, è morbida e leggermente imbottita, secondo noi l’ideale per sedercisi sopra a giocare!

Alessandro ha subito apprezzato e con questo tappetino la cameretta ha iniziato a prendere forma! A breve spero di fare un post per raccontarvi della cameretta ultimata!

foto 1(1) foto 2(1)

Foto di urban Nordic Style dalla loro pagina Facebook

Foto della città by Luca Bossi

Milano – Sant’Ambrogio (mobile pics)

Oggi Vi mostro in qualche scatto fugace fatto con il cellulare nei dintorni di Sant’Ambrogio, a Milano, dove sabato abbiamo fatto una bella passeggiata con pausa da California Bakery … come rinunciare?!

Un’altro localino incontrato durante il percorso è Olivo di Strada, che al momento era chiuso, ma che è un’affascinante erboristeria bistrot dove saziarsi ed acquistare ottimi prodotti per la cura del corpo!foto

Inspiration – Lovely Milano

Si, Milano mi piace!

Non mi interessa chi dice che è inquinata, trafficata, che non ci si vive bene, che i milanesi sono una brutta razza…a me la città piace e ci vado molto spesso data la vicinanza!

Io ci vivrei…ovviamente se potessi permettermi di stare in una di quelle belle zone residenziali che sembrano così tranquille! Certo mi mancherebbero le passeggiate in riva al lago e la frescura delle serate di fine estate ma potrei sempre tornare qui nei weekend oppure durante i periodi più caldi dell’estate….SOGNO AD OCCHI APERTI.

Tornando a noi… oggi vi parlo di un blog che racconta Milano e ce la fa scoprire nei suoi lati più nascosti. Il blog è Lovely Milano, scritto da una ragazza che ha rivalutato la sua città (che la intristiva) al ritorno dall’ Erasmus.

Sul suo blog ci parla di luoghi suggestivi difficili da scoprire, negozietti, posti dove mangiare qualcosa di buono, dei posti del cuore e di qualche angolino anche un po’ più lontano dalla città.

Consiglio di seguirlo a chi piace scoprire cose nuove su questa città che non conosciamo mai fino in fondo!

Buona lettura

20130913-145549.jpg