Una ciambella

THE

Chi mi conosce almeno un pochino sa che a casa mia un dolce non manca quasi mai, soprattutto nel weekend.

Mi piace prepararli, per traguardi importanti miei o di chi conosco, per non pensare, per divertirmi o per condividere un momento speciale con mio figlio.

A volte elaborati, a volte semplici ma preparare un dolce è per me davvero un piacere. Soprattutto nella stagione invernale.

La ricetta che pubblico oggi ha molti anni, forse lo si può intuire dalla sua semplicità. E’ una ciambella bicolore, morbidissima e che si scioglie in bocca. Tra le altre cose non è adatta anche a chi non tollera il latte visto la mancanza di latticini al suo interno.

 

INGREDIENTI:

3 uova

250 gr di zucchero

130 gr di acqua

130 gr di olio

1 bustina di lievito

250 gr di farina

2 cucchiai di cacao amaro

 

Unire gli ingredienti uno alla volta (tranne il cacao amaro) e sbattere con le fruste elettriche.

Dividere a metà l’impasto e a una delle due parti unire i due cucchiai di cacao amaro in modo da ottenere una metà al cacao e una normale.

Imburrare uno stampo a ciambella e versare i due composti creando una ciambella variegata.

Infornare a 180° per 50 minuti.

 

Per una variazione sul tema, se una semplice fetta di ciambella non vi basta, potete servirla con del gelato o versandoci sopra della cioccolata.

IMG_1068 IMG_1069

 

 

Scambiare libri, scambiare sogni

Ritorno, dopo 4 giorni di reclusione casalinga e respirare l’aria fuori casa non mi è mai sembrato cosi bello. Maledetta influenza.

Ritorno con una cosa davvero carina, che mi è piaciuta molto e a cui ho subito accettato di partecipare. So che ormai sta girando nel web e avrei voluto arrivare prima.

Sto parlando di uno scambio di libri per bambini. Chi vuole partecipare con me?

Ecco come funziona:

Cerco 6 mamme che vogliano partecipare con me: lo scambio consisite nell’inviare 1 libro a un bambino e il vostro bimbo ne riceverà 36. Lo trovo fantastico. Secondo me è bellissimo ricevere libri che altre mamme hanno scelto per il nostro piccolo. Chi vuole partecipare? Non conta l’età del vostro bimbo, non vi preoccupate, riceverà libri adatti a lui! Conta il crederci e l’essere corrette. Se volete partecipare scrivetemi nei commenti e vi spiegherò tutte le regole in privato.

Io partecipo perchè amo i libri, Alessandro li ama, ne leggiamo tantissimi e non ci stanchiamo mai!

Tempo fa scrissi un post su i suoi preferiti, lo trovqte qui, ma mi rendo conto che è arrivato il momento di aggiornarlo e lo farò presto!

Partecipate?

 

12122769_10206700578506023_3726419327410021429_n

Grazie a mammamatta per l’immagine!

 

Un bambino tatuato

Avreste mai pensato che un bambino di 2 anni e mezzo possa volere dei tatuaggi? Io no, credevo che la domanda sarebbe slittata almeno fino al compimento dei 18 anni!

E invece …

Alessandro è davvero patito di tatuaggi, intendo quelli per bambini, removibili. Nella ricerca di qualcosa che fosse diverso da quello che offrono le edicole o i negozi di giocattoli mi sono imbattuta in alcuni marchi davvero interessanti.

Primi tra tutti, e nostri preferiti, ci sono quelli di Londji, azienda spagnola produttrice di giocattoli bellissimi che ricordano quelli del passato. Semplici ma dal design per me accattivante. I loro tatuaggi sono a base di inchiostri vegetali, durano moltissimo tempo e si tolgono con l’aiuto di un po’ d’olio e un batuffolo di cotone. Ce ne sono per tutti i gusti ma Alessandro adora quelli a tema automobilistico.

Cattura

Altro marchio tutto italiano di tatuaggi temporanei è Tittooforyou che offre una selezione di immagini adatte sia ai bambini che agli adulti. Una cosa bellissima? Potete chiedere che vi realizzino un tatuaggio personalizzato!

bloggif_563727a81d4f8Un’altro marchio di cui acquistare tatuaggi davvero carini sia per bambini che per adulti è Tattyoo. L’estetica è davvero stupenda e il design molto minimale e raffinato.

Tattyoo-Circus_61975067-85a0-46d4-b4c1-96e2d06db282_largeQuindi al bando i tatuaggi appiccicosi per bambini … questi sono davvero adorabili!

IMG_0992

 

Rialzarsi.

Rialzarsi.

Ecco il motivo della mia assenza, il bisogno di ritrovare il quotidiano che a un certo punto ti accorgi di non considerare nemmeno più. Gli impegni, le tensioni, le mancanze … a volte ti fanno dimenticare davvero chi sei e quello che stavi facendo e ti portano in un mondo parallelo, confuso.

A volte è necessario cadere e rialzarsi, senza per forza stare in equilibrio quando non hai più voglia di farlo.

A volte è necessario dire mi manchi.

A volte è necessario non fare tutto quello che vorresti, ma fare solo quello per cui vale la pena di utilizzare del tempo.

A volte è necessario non sentirsi solo una mamma, una lavoratrice, una compagna … ma tornare a sentirsi se stessa.

A volte è necessario pretendere qualcosa per sè senza doverlo condividere con nessuno.

A volte è necessario ascoltare le parole di una canzone. Guardare una foto.

A volte è necessario staccare la spina e galleggiare in una vasca colma di acqua calda.

A volte è necessario rialzarsi, godersi le cose, i momenti e dividere i problemi in piccoli pezzi.

Io ci sono.

IMG_0834

Buonanotte piccolino

Per un certo periodo di tempo ho pensato che solo mio figlio alle 23.30 fosse impegnato a saltare sul letto mentre sua madre faticava a tenere le palpebre aperte.

Se parlando lo dici alle altre mamme loro rispondono, il mio invece … (come succede molto spesso quando le mamme si confrontano). A quel punto ho pensato che forse sbagliavo qualcosa ma non capivo cosa.

Alessandro fa il pisolino nel pomeriggio ma non riuscirebbe a rinunciarci.

Poi ho avuto un’idea, leggendo qua e la consigli sul web ho deciso che avrei allungato il rituale della nanna che già tentavo di mantenere con il mio piccolo ed è stato un successo. Di quelli che finalmente ti danno quel minimo di tempo per te la sera che ti sembra quasi un’eternità.

Quindi mamme e papà, se avete il mio stesso problema provateci, non sono medicinali e non costa nulla, o quasi.

Ecco i nostri tre semplici passi:

  1. Bagnetto caldo della durata di almeno 20 min. Nelle giornate peggiori aggiungo anche 5 gocce di olio essenziale di lavanda diluito in un cucchiaio di olio di mandorle. Questo bagnetto apparentemente per Alessandro è un gioco, lui fa finta di nuotare, butta l’acqua in giro ma nonostante tutto ha il suo potere rilassante;
  2. Alla fine del bagnetto Mr. Ale dice “STORIE” e quindi io e suo papà ci mettiamo vicino a lui e ci rilassiamo leggendo le storie che più piacciono al nostro mostriciattolo. Cappuccetto Verde e Cappuccetto Giallo di Munari ci sono sempre …
  3.  LATTE! Ed è questo il passaggio con cui si conclude il rituale.

Alessandro resta comunque un bambino che non va a letto alle 20.30, nemmeno io lo sono mai stata e tutto sommato non lo trovo sbagliato dato che vede i suoi genitori dalle 18.30 in poi, ma nella maggior parte dei giorni alle 22.40 posso cantare vittoria!

E voi? Come fate con i vostri bimbi?

IMG_0533

Mini shopping: Le Fru’

Per me questo negozietto è stato amore a prima vista quando mi ci sono imbattuta su Etsy e Instagram.

I prodotti di Le Fru sono frutto della creatività e manualità di una mamma e mi piacciono perchè sono semplici e comodi senza essere banali. Le fantasie dei tessuti sono molto carine e ce n’è per tutti i gusti.

Il mio primo acquisto l’ho fatto quest’estate e ho scelto per Alessandro dei pantaloni e una maglietta bellissimi. Lui li ha adorati perchè i pantaloni avevano gli strappi come quelli di mamma e papà. Li ho usati moltissimo e sto continuando a farlo ora, finchè il clima lo permetterà.

IMG_0225

Oltre a abbigliamento e accessori per bambini troverete qualche pezzo anche per le mamme e alcuni complementi d’arredo, tutto davvero delizioso.

Io sto meditando i miei acquisti per l’autunno/inverno! Andate a dare un’occhiata, non vi pentirete!

Bakery

 

Le foto del collage sono prese da Le Fru’ su Etsy.

 

Lua & Lee per un’estate profumata

Sapete che quando si tratta di design e grafica inerente ai bambini mi si drizzano le antenne… ed è così che ho scoperto la linea kids del marchio AINEA PERFUMS, ovvero LUA & LEE.

Ainea Perfums è un’azienda spagnola produttrice di profumi, candele, oli essenziali e saponi che ultimamente ha lanciato una linea anche per i più piccoli. Lua & Lee sono due bellissimi gattini che fanno da testimonial a questi ottimi prodotti per il momento acquitabili sul loro shop online ma presto anche in diversi concept store italiani.

02(1)

Tutti i profumi e saponi del marchio vengono prodotti utilizzando materie prime naturali secondo la tradizione mediterranea. Infatti la produzione nasce a Telà un paesino sulle rive del mediterraneo non troppo distante da Barcellona.

Grazie all’azienda ho potuto provare la gamma Lua & Lee e devo dire che ne sono stata felicissima ma soprattutto soddisfatta. Ho ricevuto un comodo kit da viaggio che ci seguirà sicuramente anche al mare e che contiene sapone liquido, crema corpo e acqua di cologna (la preferita di Alessando), a completare il tutto una spugna naturale.

01(1)

I prodotti sono davvero ottimi e il profumo è quello classico da bambini, molto delicato, fresco e piacevole. Assolutamente promossi!

Il contenuto della mia borsa fasciatoio Sofo – Baby Bjorn

Qualche tempo fa ho conosciuto l’azienda I.Go Distribution, distributrice per il mercato italiano di prodotti di alta qualità nel campo dell’infanzia, in grado di agevolare la vita quotidiana dei genitori e dei bimbi.

I.Go ha scelto di collaborare con aziende leader europee che producono e investono tutte le loro risorse economiche nella ricerca e nello sviluppo di un singolo articolo in uno specifico settore merceologico. Tra queste aziende anche la Baby Bjorn di cui tramite I.Go ho avuto occasione di testare la nuova borsa fasciatoio Sofo.

Conoscevo già l’azienda Baby Bjorn perchè è una tra le più conosciute quando si parla di bimbi. Quando ancora Alessandro non era nato e stavo preparando tutto per il suo arrivo sentivo spesso parlare di questo marchio da amici e nei vari negozi specializzati. Ho avuto modo nel corso della vita di Alessandro di provare diversi articoli e ne sono sempre rimasta soddisfatta per qualità e design semplice come piace a me.

Ma torniamo alla borsa fasciatoio Sofo.

Ora Alessandro ha due anni e mezzo e da parecchio tempo ho ormai abbandonato la borsa acquistata in corredo con il passeggino in quanto non è più necessario portarsi sempre via moltissime cose quando si esce.

Ormai riesce a stare anche senza pannolino, abbiamo appena iniziato lo spannolinamento e stiamo avendo successo.

Ci sono alcuni casi però in cui è davvero necessario avere una borsa che contenga le sue cose e le caratteristiche fondamentali per me sono comodità, estetica non troppo infantile e comfort nel portarla.

Queste tre caratteristiche le ho ritrovate nella borsa Sofo. All’interno, sebbene abbia diverse tasche dove riporre le varie cose necessarie, non risulta troppo divisa, ha un ampio spazio centrale dove mettere per esempio un cambio o qualcosa di ingombrante, due tasche laterali interne porta biberon o bottiglietta, un’altra tasca che io ho utilizzato come porta pannolini di scorta e uno scompartimento dove è inserito un fasciatoio comodissimo per il cambio e in dotazione con la borsa.

DSC_9958

Altra cosa che mi è molto piaciuta è che è possibile portarla a tracolla, sulla spalla oppure come zainetto (fa sempre comodo avere le mani libere con un bambino da accudire).

DSC_9952

DSC_9957

Ho voluto fotografare il contenuto della borsa in due occasioni in particolare, un pomeriggio fuori casa e una giornata al mare per mostrarvi quello che io porto con me e che più mi è utile.

DSC_9934

DSC_9941

DSC_9940

Per il pomeriggio fuori casa abbiamo portato: Bottiglietta in alluminio Sebra, porta snack Boon, uno snack in caso di attacchi di fame, cappellino e occhiali H&M, porta ciuccio con ciuccio di scorta Chicco, salviettine pulisci ciuccio, cambio completo, pannolino in caso di emergenza, salviettine Fria e fazzoletti di Masha e Orso.

Essendo la borsa davvero spaziosa per il pomeriggio fuori casa sono riuscita ad infilarci anche i miei effetti personali e mi è venuta voglia di utilizzarla tutti i giorni!

DSC_9943

DSC_9949

DSC_9944

Ecco invece il contenuto per la giornata al mare: porta snack rotondo Boon, fazzoletti Masha e Orso, cappello – occhiali e mutandine H&M, porta ciuccio con ciuccio di scorta Chicco, protezione solare SPF 50 L’amande, acqua rinfrescante Mustela, infradito Havaianas, braccioli Minions, costume di cambio H&M, salviettien Fria, telo mare Ikea, mussola Aden&Anais.

Unica pecca che posso sottolineare di questa borsa è che è sprovvista dei ganci universali per attaccarla ai diversi passeggini. Non potendo attaccarla al nostro con la tracolla purtroppo questo particolare del gancio mi è mancato perchè sarebbe una comodità in più. In ogni caso in commercio vendono ganci universali di ogni prezzo e quindi il problema è facilmente risolvibile.

DSC_9955

 

Post sponsorizzato da I. Go Distribution

Foto Luca Bossi

Le cose che piacciono ad Ale, 28 mesi

Ritorno con un articolo che ho già scritto sul blog, ma le cose cambiano così velocemente che oggi vi parlaro nuovamente di quello che piace ad Alessandro, 28 mesi.

I bimbi crescono in fretta, si sa, questa evoluzione la ritrovo tutta nei suoi comportamenti, è così dolce e divertente osservarlo nei suoi cambiamenti! Quindi ecco quello che gli piace, ora!

– Mettere stivali per la pioggia e prendere il suo ombrellino per uscire … sia quando piove che quando c’è il sole;

– Aiutare la nonna a pulire il giardino e bagnare le piante;

– Prendere i sassi del giardino, facendo grossi buchi nel terreno (ovviamente appena dopo che la nonna ha sistemato), per trasferirli nella sua carriola;

– Svuotare il panini della mollica interna e ridurli a una simil borsetta;

– Bere con la cannuccia;

– Trasferire l’acqua da un contenitore all’altro con rovesciata finale sul tavolo e per terra;

– Andare in riva al mare e chiamare: “ONDAAAA!”;

– Mangiare pizza (altrimenti non sarebbe figlio dei suoi genitori);

– Andare a vedere i cavalli al maneggio la domenica mattina con il nonno;

– Rifare il letto con la mamma e passare lo swiffer;

– Leccare il gelato;

– Giudare la macchina (per finta!).

IMG_8649

 

 

Da mamma a figlia, #mumsbeautifulwords

Questa è la settimana della festa della mamma e quale momento migliore per parlare di bellezza?

IMG_8358

Noi donne ci teniamo molto a mantenerci in forma, a curare la nostra pelle e a mantenerci al meglio con il passare degli anni. E in quante chiediamo consigli e pareri in merito alle nostre mamme?

A proposito di questo, Olaz (brand n. 1 al mondo per la cura del viso femminile) ha commissionato uno studio dal nome “The beauty of Mothers’ Words” volto ad analizzare e celebrare il rapporto mamma/figlia.

I risultati hanno dimostrato che due terzi delle figlie di tutto il mondo considerano la propria madre come fonte di consigli di bellezza, ma con alcune differenze tra nazione e nazione. Più della metà delle donne inglesi e tedesche infatti dichiara di non fare riferimento alla propria madre per avere consigli di bellezza mentre per esempio le donne indiane lo fanno nel 49% dei casi.

E noi italiane? Il 71% delle donne italiane dichiara di ricevere consigli di bellezza dalla propria madre, i più diffusi sono: non andare a dormire col trucco (50%) e dedica sempre le giuste ore al sonno (43%).

Io credo che anche se non chiesti, o detti esplicitamente noi figlie impariamo molto dalle nostre madri per quanto riguarda la cura della persona e la bellezza. Le madri tramandano la loro passione per make up e cosmetici e i loro piccoli trucchetti.

Le cose fondamentali che ho imparato da mia madre sono molto semplici e veloci da mettere in pratica anche quando il tempo scarseggia o si è molto stanche:

1- Andare a letto con il viso pulito, anche se non ci si era truccate, detergere il viso aiuta a togliere lo sporco che si accumula in una normalissima giornata, come anche l’inquinamento per esempio.

2- Utilizzare sempre una crema, anche se non con proprietà specifiche, basta una crema idratante per donare alla pelle un aspetto sano.

Queste sono due regole che seguo sempre, non le dimentico mai, e saranno le stesse che trasmetterò alle mie figlie (se mai ne avrò).

IMG_8352

Quali sono invece i consigli di bellezza che le vostre madri vi hanno dato? Condivideteli su Instagram con l’hashtag #mumsbeautifulwords!

IMG_8357

Post in collaborazione con Olaz