Scambiare libri, scambiare sogni

Ritorno, dopo 4 giorni di reclusione casalinga e respirare l’aria fuori casa non mi è mai sembrato cosi bello. Maledetta influenza.

Ritorno con una cosa davvero carina, che mi è piaciuta molto e a cui ho subito accettato di partecipare. So che ormai sta girando nel web e avrei voluto arrivare prima.

Sto parlando di uno scambio di libri per bambini. Chi vuole partecipare con me?

Ecco come funziona:

Cerco 6 mamme che vogliano partecipare con me: lo scambio consisite nell’inviare 1 libro a un bambino e il vostro bimbo ne riceverà 36. Lo trovo fantastico. Secondo me è bellissimo ricevere libri che altre mamme hanno scelto per il nostro piccolo. Chi vuole partecipare? Non conta l’età del vostro bimbo, non vi preoccupate, riceverà libri adatti a lui! Conta il crederci e l’essere corrette. Se volete partecipare scrivetemi nei commenti e vi spiegherò tutte le regole in privato.

Io partecipo perchè amo i libri, Alessandro li ama, ne leggiamo tantissimi e non ci stanchiamo mai!

Tempo fa scrissi un post su i suoi preferiti, lo trovqte qui, ma mi rendo conto che è arrivato il momento di aggiornarlo e lo farò presto!

Partecipate?

 

12122769_10206700578506023_3726419327410021429_n

Grazie a mammamatta per l’immagine!

 

Un bambino tatuato

Avreste mai pensato che un bambino di 2 anni e mezzo possa volere dei tatuaggi? Io no, credevo che la domanda sarebbe slittata almeno fino al compimento dei 18 anni!

E invece …

Alessandro è davvero patito di tatuaggi, intendo quelli per bambini, removibili. Nella ricerca di qualcosa che fosse diverso da quello che offrono le edicole o i negozi di giocattoli mi sono imbattuta in alcuni marchi davvero interessanti.

Primi tra tutti, e nostri preferiti, ci sono quelli di Londji, azienda spagnola produttrice di giocattoli bellissimi che ricordano quelli del passato. Semplici ma dal design per me accattivante. I loro tatuaggi sono a base di inchiostri vegetali, durano moltissimo tempo e si tolgono con l’aiuto di un po’ d’olio e un batuffolo di cotone. Ce ne sono per tutti i gusti ma Alessandro adora quelli a tema automobilistico.

Cattura

Altro marchio tutto italiano di tatuaggi temporanei è Tittooforyou che offre una selezione di immagini adatte sia ai bambini che agli adulti. Una cosa bellissima? Potete chiedere che vi realizzino un tatuaggio personalizzato!

bloggif_563727a81d4f8Un’altro marchio di cui acquistare tatuaggi davvero carini sia per bambini che per adulti è Tattyoo. L’estetica è davvero stupenda e il design molto minimale e raffinato.

Tattyoo-Circus_61975067-85a0-46d4-b4c1-96e2d06db282_largeQuindi al bando i tatuaggi appiccicosi per bambini … questi sono davvero adorabili!

IMG_0992

 

Lua & Lee per un’estate profumata

Sapete che quando si tratta di design e grafica inerente ai bambini mi si drizzano le antenne… ed è così che ho scoperto la linea kids del marchio AINEA PERFUMS, ovvero LUA & LEE.

Ainea Perfums è un’azienda spagnola produttrice di profumi, candele, oli essenziali e saponi che ultimamente ha lanciato una linea anche per i più piccoli. Lua & Lee sono due bellissimi gattini che fanno da testimonial a questi ottimi prodotti per il momento acquitabili sul loro shop online ma presto anche in diversi concept store italiani.

02(1)

Tutti i profumi e saponi del marchio vengono prodotti utilizzando materie prime naturali secondo la tradizione mediterranea. Infatti la produzione nasce a Telà un paesino sulle rive del mediterraneo non troppo distante da Barcellona.

Grazie all’azienda ho potuto provare la gamma Lua & Lee e devo dire che ne sono stata felicissima ma soprattutto soddisfatta. Ho ricevuto un comodo kit da viaggio che ci seguirà sicuramente anche al mare e che contiene sapone liquido, crema corpo e acqua di cologna (la preferita di Alessando), a completare il tutto una spugna naturale.

01(1)

I prodotti sono davvero ottimi e il profumo è quello classico da bambini, molto delicato, fresco e piacevole. Assolutamente promossi!

Le cose che piacciono ad Ale, 28 mesi

Ritorno con un articolo che ho già scritto sul blog, ma le cose cambiano così velocemente che oggi vi parlaro nuovamente di quello che piace ad Alessandro, 28 mesi.

I bimbi crescono in fretta, si sa, questa evoluzione la ritrovo tutta nei suoi comportamenti, è così dolce e divertente osservarlo nei suoi cambiamenti! Quindi ecco quello che gli piace, ora!

– Mettere stivali per la pioggia e prendere il suo ombrellino per uscire … sia quando piove che quando c’è il sole;

– Aiutare la nonna a pulire il giardino e bagnare le piante;

– Prendere i sassi del giardino, facendo grossi buchi nel terreno (ovviamente appena dopo che la nonna ha sistemato), per trasferirli nella sua carriola;

– Svuotare il panini della mollica interna e ridurli a una simil borsetta;

– Bere con la cannuccia;

– Trasferire l’acqua da un contenitore all’altro con rovesciata finale sul tavolo e per terra;

– Andare in riva al mare e chiamare: “ONDAAAA!”;

– Mangiare pizza (altrimenti non sarebbe figlio dei suoi genitori);

– Andare a vedere i cavalli al maneggio la domenica mattina con il nonno;

– Rifare il letto con la mamma e passare lo swiffer;

– Leccare il gelato;

– Giudare la macchina (per finta!).

IMG_8649

 

 

Shop online – Le scarpine Pukk

Quando Alessandro era molto piccolo, volendo acquistare delle scarpine morbide che tenessero un po’ caldo il piedino, ho optato per un modello in pelle, molto leggero e semplice da infilare, senza stringhe, solamente con un elastico.

Mi sono trovata bene fin da subito ed i suoi primi passi in casa li ha mossi proprio in queste scarpine. Poi mi sono documentata ed ho scoperto alcuni aspetti positivi in merito.

Il piede del bimbo piccolo infatti non è ancora ben sviluppato e per questo tende ad appiattirsi o a causare il classico disturbo della gamba a x. Il metodo più efficace per contrastare il problema sarebbe camminare a piedi nudi ma dato che ciò non è sempre possibile le scarpine in pelle diventano un ottimo compromesso.

Quest’anno, nonostante Alessandro cammini bene e faccia uso di scarpe normali, più resistenti come è giusto che sia dato che ne combina di tutti i colori, per il tempo che passa in casa o al punto giochi ho pensato che le avrei ricomprate, le ho poi ricevute in regalo da Lian, una mamma che le produce artigianalmente.

scarpe_02

Le sue scarpine PUKK sono morbide e realizzata interamente con materiali naturali e a mano in Italia. La loro suola in pelle scamosciata garantisce un’ottima aderenza alla superficie e la forma semplice garantisce un valido sostegno dei piedi, lasciando al bimbo la più ampia possibilità di movimento.

scarpe_03

Ovviamente non sono adatte alle persone che per motivi etici hanno deciso di non utilizzare la pelle.

scarpe_01

Lian vende questa sua creazione nel suo shop online bimbito.it dove oltre alle bellissime scarpine si trovano tanti prodotti dal design carino a un prezzo molto competitivo, come per esempio le tanto amate mussoline (io le adoro, non so voi!). Ogni prodotto è certificato OEKO-TEX® (un certificato importantissimo perché da la garanzia che il prodotto che acquistiamo non è nocivo per la pelle dei nostri bimbi). Peccato non averlo conosciuto prima. Vale la pena di dare un ‘occhiata!

collage

Picci, accappatoio in fibra di bamboo Naturelle

Qualche tempo fa vi parlai del fatto che sono diventata ambasciatrice Picci, ruolo del quale sono molto felice.

Per questo motivo ho ricevuto dall’azienda l’accappatoio in fibra di Bamboo (100%) della linea Naturelle. L’ho apprezzato moltissimo perchè è semplice, come piace a me, senza troppi disegni o decorazioni, è morbido, è naturale ed è di qualità.

Quale momento migliore per provarlo se non il bagno lento della domenica, quando ci si rilassa e si gioca in acqua senza limiti di tempo?!

Dopo un piacevole bagnetto ho avvolto Alessandro nel suo nuovo accappatoio, ottimo anche per lui che è già grandicello grazie alle dimensioni abbondanti e perfetto per tutte le mamme, che come si sa sono molto esigenti, dato che il materiale è completamente naturale.

La linea Naturelle, in aggiunta alla qualità del made in Italy, pone al centro l’utilizzo di materiali eco-friendly. In questo caso la fibra di Bamboo che è una fibra di cellulosa rigenerata, estratta dalla polpa del Bamboo. Il tessuto che ne deriva non è solo leggero e resistente, ma possiede anche grandi proprietà antibatteriche e disinfettanti. Quindi perfetto per i più piccoli e aggiungerei anche comodo per le mamme dato che si lava in lavatrice fino a 40°.

Consigliato!

 

01 02 03

 

Giocattoli di design – Des Enfantillages

Sono rimasta davvero colpita quando nel web mi sono imbattuta nei giocattoli di Des Enfantillages. Sono minimal, nordici e dai colori pastello. Sono semplici e stimolano l’immaginazione. Sono fatti a mano da una mamma, un papà e una nonna con tutto l’amore e la cura che solo chi conosce così da vicino i bambini può metterci. Sono fatti di un materiale del tutto naturale.

Lo so, non sono proprio economici ma il mio pensiero in questi casi è meglio uno ben fatto, bello e stimolante che due medi, voi cosa ne pensate?

Ho fatto una piccola intervista a Geneviève, una delle menti, per scoprire di più a proposito di questo marchio, eccola di seguito!

 

Chi si nasconde dietro a Des Enfantillages?

Nata a Montreal quest’anno, Des Enfantillages è la nuova collezione di giocattoli per bambini dei fondatori di Shed Espace Creatif, Christian Laforge ed io (Geneviève Lugaz). Christian (che nella vita è il mio compagno) ed io siamo la mente e pensiamo al design dei giocattoli, mia madre Nicole Prevost invece si occupa della produzione. Ogni cosa è fatta con cura ed amore con le nostre mani.

 

Com’è nata l’idea di creare giocattoli di design?

Credo che l’idea sia nata inizialmente dal desiderio di collaborare con mia madre. Ci piace da sempre lavorare insieme e volevamo avere un progetto che ci permettesse di farlo quotidianamente. Credo anche che sia stata la voglia di creare e sviluppare oggetti che si sono trasformati in giocattoli naturalmente. I miei due figli Millie e Téo ci hanno sicuramente influenzato e sono anche stati di grande ispirazione permettendoci di vedere gli oggetti attraverso una lente colorata e bambinesca.

 

Cosa vi ispira nella creazione di giocattoli così belli?

Siamo sempre stati appassionati di design, quando questo è minimalista e semplice come quello scandinavo. Per quanto riguarda i giocattoli, amiamo quelli non scontati, che permettono ai bambini di usare la loro immaginazione.

L’estetica, la versatilità, l’affidabilità e la nostra nostalgia sono gli elementi che ci hanno portato ad utilizzare il legno come materiale principale. Cerchiamo di produrre giocattoli che utilizzerebbe anche l’eterno bambino che c’è in noi, ciò significa che proviamo a fare qualcosa di diverso, non visto milioni di volte e proviamo a trovare un nuovo modo per riproporre il classico.

E1

Foto dal sito Des Enfantillages

***

I’ve been really impressed when in the web I found the toys produced by Des Enfantillages. They are minimal, nordic and with pastel colours. They are simple and permit to kids to use imagination. They are handmade by a mum, a dad and a grandma with all the love and care which only who knows kids personally can use. They are made with a natural material.

I know, they are not too economic but in this case I always think that is better one good, interesting and stimulating object than two normal.

I’ve made a little interview to Geneviève, one of the creators, to learn more about Des Enfantillages, you can read it hereunder!

 

Who is Des Enfantillages ?

Created in Montreal earlier this year, Des Enfantillages is a new collection of children’s toys by the founders of Shed Espace Creatif, Christian Laforge and me (Geneviève Lugaz). Christian (who also happens to be my partner) and I dream up ideas and design the toys, then I collaborate with my mother, Nicole Prevost on the production. Everything is lovingly and carefully made by our very own hands.

 

How the idea of creating design toys was born?

I suppose the idea for Des Enfantillages was initially born from a desire to collaborate with my mother. We’ve always loved working together, and we wanted to create a project where we’d have the opportunity to do so on a daily basis. I suppose it’s also a product of just wanting to design, develop and make objects, which, naturally, became children’s toys. My two children, Millie and Téo, were certainly a huge influence and inspired us to see things through a silly, colourful, happy lens.

 

Which is of inspiration for creating such beautiful toys?

We’ve always been very drawn to simple, minimalist design, like Scandinavian design, for example.When it comes to toys, we have a soft spot for those that don’t give everything away, and that inspire kids to use their imaginations. Aesthetic, reliability, versatility, and our own nostalgia, are what inspired us to use wood as the primary material. We try to make toys that our own inner children would want to play with, which also means that we try to make things that we haven’t seen a million times over, or we’ll look for a new way of presenting a classic.

 

Photos from Des Enfantillages website